Gucci guida la Digital Competitive Map di ContactLab

L’innovazione digitale nel lusso parla sempre più italiano: è Gucci il brand che a livello internazionale conquista la leadership digitale della VI edizione della Digital Competitive Map 2018, la ricerca realizzata da Contactlab ed Exane BNP Paribas, raggiungendo Burberry; seguono Valentino, Louis Vuitton, Fendi e Cartier. Questi i risultati della ricerca che analizza e misura il livello di cross-canalità e di digitalizzazione dell’offerta di 34Continua a leggere “Gucci guida la Digital Competitive Map di ContactLab”

Catturare la middle class cinese via internet – Il Sole 24 Ore

Riporto due stralci di un bell’articolo di Paola Bottelli, pubblicato sul sito del Sole 24 Ore. “Sul mercato dei beni di lusso ogni minima variazione negativa dei dati sulle vendite e sui profitti dei grandi marchi quotati provoca la fibrillazione degli analisti finanziari e, immediatamente dopo, ondate più o meno intense di downgrading. Con inevitabiliContinua a leggere “Catturare la middle class cinese via internet – Il Sole 24 Ore”

Burberry e la Moda 2.0

La moda fatta di sfilate, riviste patinate, party esclusivi diventa 2.0? Ossia dematerializzata, frammentata e condivisa? Si. E l’apripista è Burberry, casa di moda di lusso britannica, tradizionale ma lungimirante. La nuova collezione, disegnata da Christofer Bailey, è stata trasmessa in streaming e condivisa praticamente ovunque. E anche il sito del brand è assulutamente in linea con questa nuova tendenza: la sfilata può essere vista ogni volta che vogliamo, commentata sui social network e discussa online con amici e appassionati. Ovvio, si può anche comprare!
E non è finita qui: a breve potremo personalizzare online il celeberrimo trench diventando così un po’ stilisti – ma molto prosumer.

(continua)