Vi racconto TEDxMacerata 6/7

Sette interventi, sette storie, sette visioni, sette voci. Si perché le voci, che scandiscono i singoli slot da 18 minuti, sono la cosa che più mi porto dietro dal TEDxMacerata dello scorso 24 maggio, il primo a cui ho assistito dal vivo grazie a Radio Incredibile

33532219_205348173411637_4413780913339498496_o[1].pngAltra voce. Anche se, prima del suo timbro, mi ha colpito il suo sguardo stralunato e occhialuto. Si è fermato lì, al centro del tondo rosso posto a terra e ha aspettato, con le mani dietro la schiena, qualche secondo prima di dire il suo nome. È Gianluca Nicoletti e sa utilizzare molto bene la voce visto che è giornalista e speaker radiofonico. Ma non ci parla di voce, né di occhi. Ci parla di cervelli, più precisamente di “Cervelli ribelli” e di come l’autismo di suo figlio abbia trasformato lui stesso in un soggetto differente che vede la diversità negli altri. Il progetto nasce dalla volontà di sensibilizzare gli adulti (attraverso gli adolescenti) al fenomeno della neurodiversità con l’ambizione di aprire lo sguardo alle differenze come valore e capitale umano, culturale, sociale, biologico. Andare oltre, oltre le apparenze, oltre i gesti, oltre la pelle. (continua)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *